The bastards and the bird – I bastardi e il passero

Italian version below – This story was written following the following prompt on Reedsy. You can follow me there as well just look for Elena S. Kodermaz.

Write a story that ends with one character waiting for the arrival of another.

Those bloody bastards are going to be furious.

Murphy realized while he proudly screened the room with half-closed eyes and gazed at the mess he had created. He licked his lips and tasted the iron-taste of blood. The salty and mouthwatering flavor that he had longed for all his imprisonment years.
The chaos was only a side effect and it did not diminish his glory. He glided down the stairs one step at a time, smooth and shimmering as a velvet offcut, and patrolled the living room.

On the left, Janet’s beloved ochre flowered sofa was still intact, thanks to her compulsive-obsessive mania, and the plastic and sweaty film she had covered it with. Murphy was certain that at a closer look some minor detail would have revealed that his nails had rushed upon that trash-bag of a couch, but he had other issues to worry about.
There were two things that Janet and her good-for-nothing-husband Phil worshiped more than anything else: the TV and the Bible. It was in that specific order that Murphy had crashed both while chasing the succulent bird.
The black rectangle that Phil had paid a good month salary laid face down on the glass and steel tea table at the center of the room. As if that wasn’t enough, Murphy slithered underneath it and saw a chink right in the middle of the screen.
As for the Bible, well, the moldy green-cover Bible that once belonged to Janet’s great-grandmother and dated back to the late 1800 was ripped and had lost a good deal of pages. It must have fallen at the beginning of the chase and Murphy was sure to have stumbled upon it several times.
The bird, a particularly fat sparrow, had done the rest. Vases, framed pictures, and trinkets were all broken on the floor. Flowers were exhaling their last breaths and there was a significant number of grey-beige feathers on the area.
Thank God he was good enough not to leave traces of blood around. Still, if the two bastards held him responsible for that mess he might as well waved one of his nine lives good-bye.

Murphy did not hold himself accountable for the mess. It was them who had left the window open after all, and them who had therefore allowed the bird in.
What did they expect? That he would have laid down on his chair as the good cat they thought he was and let the bird fly away? Did they really think that he would have resisted the vigorous meat of a flying sparrow when they fed him with those plastic surrogates they had the indecency to call food?
Murphy peeked at the oven timer, which indicated 10:50, and counted.
The bastards were at the 10 am Sunday service, which meant that they would be busy praying for another 10 minutes. Ten minutes more for gossips outside church and 5 to drive home. Which left him with little less than half an hour to get rid of the feathers and plan the right way to have the fault fall on the needy, brainless, and a little deaf dog the bastards loved so much.

Speaking of which, Boris the Labrador was still sound asleep right before the kitchen door, waiting for the bastards to come back and pet him. Murphy was aware that he had to calculate very well his timing and wake Boris up only instants before Janet and Phil entered the house, otherwise the dog would find ways to revenge on him.

Murphy braced himself and started the dirty job: cleaning the feathers. He collected the plumes in couples and carefully dragged them in the corridor that led to the garage where Phil had built a massive cabinet to store old shoes, brooms, and other useless stuff that nobody used anymore. That little carpentry odd job was definitely the best idea he probably ever conceived, because to Murphy’s luck Phil had left a little hole between the cabinet’s back and the wall where the cat could hide everything he felt like hiding.

Murphy traveled back and forth several times to conceal all the feathers. On his last trip, he shoved one of Boris’s tennis balls right in the middle of the living room.
Then the oven timer beeped, Boris grunted, and the bells started to rock as eleven am hit the clock.
Ten minutes.
Murphy reached for the bird corpse and took it in his mouth. Damn, the bird had been a good lunch. He carried it upstairs and while doing so couldn’t help but let a guttural meow exit his vocal cords. Even if dead cold and deprived of the life’s sparkle that had created all the fun, the bird had been a good diversion.
For a second, as he directed towards the bathroom in Janet and Phil’s bedroom where the woman had left another window open, he contemplated leaving the dead body on Janet’s pillow to let her know how much he despised her but then resisted. The last time he had tried to show his ferocity murdering a lizard, Janet thought it was a gift and, Murphy still shivered at the thought, kissed him.
Murphy entered the bathroom and climbed on the tub to reach the window and finally throw the carcass out of the house, into the flower bed below.
Then he saw them.
The car.
The bastards.
They were almost home.
His heart skipped a beat and the fur erected on his back.
Why couldn’t they be boring and predictable like they always were? Why did they have to change their routine THAT DAY?
Murphy jumped back on the bathroom floor with an elephantine-loud leap. His four paws stumbled upon the dingy and threadbare carpet and for an instant, he ran on the fabric without moving a single inch. Finally, he rushed out the door and down the stairs. His mind was so fuzzy that he bounced along hitting whatever was on his way, doors, handrails, a little locker, he even hopped on Janet’s beloved ochre flowered sofa right in the middle of the back and eventually landed in the kitchen.
There he stopped and listened.
The bastards had parked the car and were about to hit the front walkway.
Murphy anticipated their moves.
Two seconds to meet in front of the car.
Five seconds to walk along the white stone paved lane.
Ten to fifteen seconds to find the keys and open the front door.
Five seconds to realize what had happened while they were praying. Murphy had to be long gone and hidden by then.

Murphy approached Boris and sinuously wiped his light gray fluffy tail under his nose, but the foolish dog did not wake up and grunted satisfied.

The cat could hear Janet and Phil’s regular and quick steps. Stupid deaf dog who wouldn’t wake up. Murphy had to stimulate him otherwise.

He distanced the dog a couple of steps, flatted his whole body on the ground, feelers stretched ahead. He lifted his ass only. He shook it and accelerated towards the dog, landed on his stomach, and jumped immediately back on the ground.

Boris barked desperately but Murphy was already out the kitchen and up the stairs, directed towards his favorite armchair in the guest bedroom.
He curled up in a ball and closed his eyes.
He might have looked asleep, but his heart thudded in his chest, waiting.

Those bloody bastards were going to be furious.

If you liked the story, or not, let me know what you think. You can follow me also on Instagram, Facebook and Tumblr.


Questa storia è stata scritta seguendo il seguente Prompt di Reedsy. Puoi seguirmi anche lì, cerca Elena S. Kodermaz.

Scrivi una storia che finisce con un personaggio che aspetta l’arrivo di un altro.

Quei maledetti bastardi saranno furiosi.

Realizzò Murphy mentre scrutava orgoglioso la stanza e ammirava il disastro da lui creato. Si leccò i baffi e gustò il sapore ferroso del sangue, la sapidità succulenta che aveva bramato per tutti quegli anni di prigionia. Il caos era un semplice effetto collaterale che non sminuiva la sua gloria.
Scivolò sinuoso sulle scale, un gradino alla volta, soffice e splendente come uno scampolo di velluto e perlustrò la sala da pranzo.

Sulla sinistra, l’adorato sofà a fiori ocra di Janet era ancora intatto, grazie alla sua mania ossessivo compulsiva e alla pellicola di plastica con cui lo aveva ricoperto. Murphy era sicuro che ad uno sguardo attento, alcuni piccoli dettagli avrebbero potuto far trasparire che le sue unghie avevano in effetti toccato quel sacco della spazzatura di un divano, ma aveva altre cose di cui preoccuparsi.
C’erano due oggetti che Janet e quel buono a nulla di suo marito veneravano più di ogni altro: la TV e la Bibbia.

Era in tale ordine specifico che Murphy aveva distrutto entrambe mentre rincorreva quell’uccello così appetitoso. Il rettangolo nero che Phil aveva pagato più di uno stipendio era accasciato a faccia in giù sul tavolino di vetro e acciaio al centro della stanza. Come se non fosse abbastanza, Murphy vi sgusciò sotto e vide una crepa proprio al centro dello schermo.
La Bibbia, invece, beh, la Bibbia ammuffita dalla cover verdastra che era appartenuta alla bisnonna di Janet e risaliva al tardo 1800, era strappata e aveva perso un buon numero di pagine. Doveva essere caduta all’inizio dell’inseguimento e Murphy era certo di esserci passato sopra diverse volte.
L’uccello, un passero particolarmente grasso, aveva fatto il resto. Vasi, foto incorniciate e altri ninnoli erano tutti rotti e riversi a terra. I fiori stavano esalando gli ultimi respiri e c’era un significativo cumulo di piume grigio-beige sul pavimento.
Grazie a Dio era stato abbastanza abile da non lasciare tracce di sangue. In ogni caso, se i due bastardi l’avessero ritenuto responsabile per quel disordine, avrebbe anche potuto dire addio ad una delle sue nove vite.

Murphy non credeva di avere alcuna colpa. Erano stati loro a lasciare la finestra aperta, dopo tutto, e sempre loro che quindi avevano lasciato entrare l’uccello.
Cosa si aspettavano? Che sarebbe rimasto impassibile sulla sua sedia come il bravo gatto che credevano fosse? Pensavano davvero che avrebbe resistito alla carne vigorosa di un passero abituato a volare, quando l’unica cosa che gli davano da mangiare erano quei surrogati di plastica che avevano l’indecenza di chiamare cibo?
Murphy lanciò un’occhiata al timer del forno che indicava le 10:50 e iniziò a contare.
I bastardi erano alla messa domenicale delle 10, il che significava che sarebbero stati impegnati a pregare per altri dieci minuti buoni. Altri dieci per i gossip sul sagrato e cinque per guidare sino a casa. Aveva quindi poco meno di mezz’ora per sbarazzarsi delle piume e pianificare il modo per far ricadere tutta la colpa su quel bisognoso labrador senza cervello che i bastardi amavano così tanto.
A proposito di Boris, il labrador, era ancora addormentato davanti alla porta d’ingresso della cucina, in attesa che i bastardi tornassero a casa a coccolarlo. Murphy era conscio di dover calcolare molto bene le tempistiche, in modo da svegliare Boris solo pochi istanti prima che Janet e Phil rientrassero in casa, altrimenti il cane avrebbe trovato il modo di vendicarsi.

Murphy si rimboccò le maniche e iniziò il lavoro sporco: ripulire le piume. Le radunò a coppie e le trascinò verso il corridoio che portava al garage dove Phil aveva costruito un enorme armadio per custodire vecchie scarpe, scope e altre cianfrusaglie inutili che nessuno usava più. Quel piccolo lavoro di carpenteria era probabilmente la migliore idea che avesse mai concepito poiché, per fortuna di Murphy, Phil aveva lasciato un’intercapedine tra il retro dell’armadio e il muro dove il gatto poteva nascondere qualsiasi cosa volesse.
Murphy viaggiò avanti e indietro molte volte per nascondere tutte le piume. Nell’ultimo tratto, spinse una delle palle da tennis di Boris al centro della stanza.

Quando il timer del forno sibilò, Boris grugnì e le campane iniziarono a suonare le undici.
Dieci minuti.
Murphy prese in bocca la carcassa dell’uccello. Accidenti, se era stato un buon pranzo. Lo trasportò al piano di sopra e nel percorso emise un miagolio gutturale direttamente dalle corde vocali. Anche se morto e ormai privo di quello sprazzo di vita che gli aveva causato tanta gioia, l’uccello era stato un buon diversivo.
Per un attimo, mentre si dirigeva verso il bagno nella stanza da letto di Phil e Janet, dove la donna aveva lasciato un’altra finestra aperta, contemplò l’idea di lasciare il cadavere sul cuscino di Janet per farle sapere quanto la detestava, ma resistette. L’ultima volta che aveva provato a mostrarle la sua ferocia uccidendo una lucertola, Janet aveva pensato che si trattasse di un regalo e, Murphy rabbrividiva ancora al pensiero, lo aveva baciato.
Murphy entrò in bagno e si arrampicò sulla vasca per raggiungere la finestra dove finalmente lanciò la carcassa fuori dalla casa, nell’aiuola di sotto.

Poi li vide.
La macchina.
I bastardi.
Erano quasi a casa.
Il suo cuore mancò un battito e il pelo gli si rizzò sulla schiena.
Perchè non potevano essere noiosi e prevedibili come sempre? Perché avevano dovuto modificare la loro ruotine QUEL GIORNO?
Murphy atterrò sul pavimento del bagno con un salto elefantino. Le quattro zampe inciamparono sul tappeto lercio e sfilacciato e per un istante corse sul tessuto senza muoversi di un centimetro.
Si affrettò fuori dalla porta e giù dalle scale.
La sua mente era così confusa che sbattè su qualsiasi cosa si trovasse sulla sua strada, porte, corrimani, un mobiletto, saltò anche sull’adorato sofà a fiori ocra di Janet proprio nel mezzo dello schienale e alla fine atterrò in cucina dove si fermò ad ascoltare.
I bastardi avevano parcheggiato ed erano quasi sul vialetto.
Murphy anticipò le loro mosse con il pensiero.
Due secondi per arrivare davanti all’auto. Cinque secondi per percorrere il vialetto di pietre bianche.
Tra i dieci e i quindici per trovare le chiavi.
Cinque secondi per capire quello che era successo in loro assenza.
Murphy doveva essere ormai nascosto a quel punto.
Due secondi.
Murphy si avvicinò a Boris e gli accarezzò sinuosamente il naso con la coda grigio chiaro, ma lo stupido cane non si svegliò, anzi grugnì soddisfatto.
Cinque secondi.
Il gatto riusciva a sentire i passi affrettati di Phil e Janet. Stupido cane sordo. Murphy doveva stimolarlo in altro modo.
Dieci secondi.
Distanziò il cane di qualche passo, appiattì il corpo sul pavimento, le vibrisse riverse in avanti. Alzò il sedere di qualche centimetro, lo mosse freneticamente e accelerò verso il cane, gli atterrò sullo stomaco e risaltò sul terreno.
Cinque secondi.
Boris abbaiò disperato ma Murphy era già fuori dalla cucina e sulle scale, diretto verso la sua poltrona preferita nella camera degli ospiti.
Si arrotolò in forma sferica e chiuse gli occhi.
Avrebbe potuto sembrare addormentato da molto tempo, ma il suo cuore batteva forte nel petto in attesa.

Quei maledetti bastardi sarebbero stati furiosi.

Se il racconto ti è piaciuto, oppure no, fammi sapere cosa ne pensi.
Puoi seguirmi anche su Instagram, Facebook e Tumblr.

Follow me on Instagram

Un pensiero riguardo “The bastards and the bird – I bastardi e il passero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close