Unknown Italy: Val Bartolo – Friuli-Venezia Giulia

If Santa Klaus ever decided to move to Italy, he would choose Val Bartolo, Friuli-Venezia Giulia, Italy, as headquarter.

Val Bartolo is a long and narrow valley enclosed between Italy and Austria. Cozy wooden mountain huts stud its delicate and grassy slopes and mankind blends with nature. Life is so peaceful here that’s easy to imagine gnomes and elves living here. Or even Santa Klaus.

Val Bartolo, Friuli-Venezia Giulia, Italy

Let me be honest. If you ever decided to visit Friuli-Venezia Giulia Val Bartolo won’t figure among the first suggestions. Yet, if you’re a passionate hiker and you’re interested in a stroller-proof trek, Val Bartolo is perfect. Or, if you visit Friuli-Venezia Giulia in winter, the valley is perfect to snowshoe off the main routes.

That’s precisely what Stefano and I did at the beginning of December. We were looking for an easy trek to avoid big crowds (it’s Covid-time folks!). We both had visited Val Bartolo in the summer season but never with snow. Besides, this sweet valley in far northeastern Italy was perfect to start trekking again after two weeks of lockdown.
The difference in altitude is only 400 meters (1312 feet) if you walk the valley’s whole length till Austria. But really, having Val Bartolo only one way in and one way out, it’s up to you to decide when to go back.

The closest highway exit to visit Val Bartolo is the A23 exit of Tarvisio. From there, you follow directions towards Camporosso and then Val Bartolo.
To fully enjoy this trekking experience in Friuli-Venezia Giulia, I recommend you park in Camporosso and proceed on foot (although the full round trip is almost 15 km (9 miles) ). In the summer, you can drive the first 5 km and park at the only restaurant in the valley “La Baita di Beatrice” (Beatrix’s Hut).

Camporosso, Tarvisio, Friuli-Venezia Giulia, Italy
Camporosso, Tarvisio, Friuli-Venezia Giulia

We don’t mind walking and we thus ventured on this trekking on foot, with snowshoes fastened to our backpacks.
We’re welcomed by the Bartolo stream which gives the name to the valley. Rio Bartolo’s babbling is a constant companion that guides us along the paved road, buried in snow. Our path slots between rocky and steep slopes. As we walk, we search for familiar details in vain. The snowfall that hit Friuli Venezia Giulia at the beginning of December transformed this valley. Everything seems altered and unusual. At least to our eyes.
We miss the climbing wall, and we are unable to spot the ancient war bunkers. We just march on, lost in the damp and brisk mist.

Rio Bartolo, Friuli-Venezia Giulia, Italy
Rio Bartolo, Friuli-Venezia Giulia, Italy

When I was younger and longed to escape Friuli-Venezia Giulia if someone had asked me to describe my ideal Winter Wonderland I would’ve answered. “That’s in London, Hyde Park!
Now that I’m older and hopefully wiser, I crave quality and reality with no frills. My Winter Wonderland is now here, right in front of me. In Friuli-Venezia Giulia is not made of foam and treetops bend under thick snow caps. The glacial air grazes our skin but we stare with marveled eyes at the landscapes ahead.

Val Bartolo, Friuli-Venezia Giulia, Italy

Such snowfalls are rare nowadays. Many see this outburst of snow like sheer bad luck, considering the lockdowns and the closed ski resorts but I see it as a lesson from Mother Nature. Maybe we should all let nature breathe and start living it as it is, with no frills, as said.
I’m glad that only a few people are willing to walk this long, for those who are can experience nature in a unique way.
After 4 km, we walk past “La Baita di Beatrice” and step out of the woods, we also leave behind the fog. We step then into the sun and Val Bartolo reveals its delicate beauty.

La Baita di Beatrice, Val Bartolo, Friuli-Venezia Giulia, Italy
La Baita di Beatrice, Val Bartolo, Friuli-Venezia Giulia, Italy

We’re the firsts to swim in this snow-ocean. We wear our snowshoe and, as the sun kisses our faces, we pant making our way through the thick snow. The mountain huts stud the diamond-white fields and I daydream about the day when I’ll own one. It’s almost impossible to imagine that most of the huts were once frugal barns.

Mountain Huts in Val Bartolo, Friuli-Venezia Giulia, Italy


Instead of tiring, me and Stefano are recharged by the pleasant view.
We keep trekking until we spot a yellow sign. We reach Austria and we know it’s time to go back. We retrace our own steps and feel blessed for such a marvelous day.

Val Bartolo, Austria

If you feel like this snow-trek it’s too much for you don’t worry, Val Bartolo is just as pretty in the summer. The best occasion for you to visit is at the end of August when Val Bartolo literally opens up and becomes an open-air festival. Each hut becomes a restaurant and serves traditional dishes from Friuli-Venezia Giulia, Austria, and Slovenia. Every year “Baite Aperte” attracts thousands of foodies from all around.
In case you were wondering, yes Baite Aperte is exactly what brought us to Val Bartolo before now. And yes, we never walked till Austria because we ate so much that it would have been impossible to climb any higher.

The Writer's Mountain Hut in Val Bartolo, Friuli-Venezia Giulia, Italy


But that’s the beauty of trekking in this unknown corner of Italy. Friuli-Venezia Giulia offers unique opportunities to mix food and wine with breath-taking and unique landscapes.
Friuli-Venezia Giulia is a melting pot of different cultures that have blended together over the years. Here, Italian hospitality meets Austro-Hungarian rigor and Slavish wilderness. That’s why visiting Friuli-Venezia Giulia is experiencing the best epitome of Europe.

That’s why, chances are that while staying here, you will feel at home.

About this trekking:

Starting Point: Camporosso, Tarvisio (UD), Italy
Length: 15 km back and forth (9 miles)
Difference in altitude: 400 mt (1300 feet)
Timing: 4 hours (with snow)
Where to go next: Dawit Haus or I dolci di Irma for the perfect baked reward
What to do in the area: Have you ever slept in a pinecone?Rifugio Pellarini
When: End of August or winter (snow is a must)


Follow me on Instagram:


Italia Sconosciuta: Winter Trekking in Val Bartolo, Friuli-Venezia Giulia

Se mai Santa Klaus decidesse di trasferirsi in Italia, sceglierebbe la Val Bartolo, Friuli-Venezia Giulia, Italia, come sede.

La Val Bartolo è una valle lunga e stretta racchiusa tra l’Italia e l’Austria. Accoglienti baite in legno punteggiano i suoi pendii delicati ed erbosi e l’umanità si fonde con la natura. La vita qui scorre così tranquilla che è facile immaginare gnomi ed elfi viverci. O magari Santa Klaus.

Mountain Huts in Val Bartolo, Friuli-Venezia Giulia, Italy

Sarò onesta. Se mai tu decidessi di visitare il Friuli-Venezia Giulia, la Val Bartolo non figurerà tra le prime mete suggerite.
Eppure, se sei un appassionat* escursionista e sei interessato a un trekking a prova di passeggino, la Val Bartolo è perfetta. Oppure, se visiterai Friuli-Venezia Giulia in inverno, la valle è perfetta per le ciaspolate lontane dalle mete più battute.

È proprio quello che abbiamo fatto io e Stefano all’inizio di dicembre. Stavamo cercando un trekking facile per evitare grandi folle (è gente del tempo di Covid!) e la Val Bartolo è stata la scelta più ovvia.
Entrambi avevamo visitato la Val Bartolo nella stagione estiva ma mai con la neve. Inoltre, questa dolce valle nell’estremo nord-est dell’Italia ci sembrava perfetta per ricominciare a fare trekking dopo due settimane di isolamento.
Il dislivello è di soli 400 metri se si percorre tutta la valle fino all’Austria ma, avendo la Val Bartolo un solo ingresso e una sola uscita, sta a te decidere quando tornare indietro.

L’uscita autostradale più vicina per visitare la Val Bartolo è l’uscita di Tarvisio della A23. Da lì segui le indicazioni per Camporosso e poi per la Val Bartolo.
Per vivere appieno questa esperienza di trekking in Friuli-Venezia Giulia, ti consiglio di parcheggiare a Camporosso e di procedere a piedi (anche se l’andata e ritorno è di quasi 15 km). In estate si possono percorrere in auto i primi 5 km e parcheggiare presso l’unico ristorante della valle “La Baita di Beatrice”.

A me e Stefano non dispiace camminare e così avventuriamo in questo trekking a piedi, con le ciaspole allacciate agli zaini.
Ad accoglierci c’è il torrente Bartolo che dà il nome alla valle. Il balbettio del Rio Bartolo è un compagno costante che ci guida lungo la strada asfaltata immersa nella neve. Il nostro percorso si snoda tra pendii rocciosi e ripidi. Mentre camminiamo, cerchiamo invano dettagli familiari. La nevicata che ha colpito il Friuli-Venezia Giulia all’inizio di dicembre ha trasformato questa valle. Tutto sembra alterato e insolito. Almeno ai nostri occhi.
Non notiamo la parete da arrampicata o gli antichi bunker della guerra. Continuiamo semplicemente a marciare, persi nella nebbia umida e ghiacciata.

Quando ero più giovane e desideravo scappare dal Friuli-Venezia Giulia, se qualcuno mi avesse chiesto di descrivere il mio paese delle meraviglie invernale ideale avrei risposto. “Il mio è a Londra, Hyde Park!
Ora che sono più grande e, si spera, più saggia, bramo ardentemente la qualità, la concretezza, la realtà senza fronzoli. La mia Winter Wonderland quindi è qui, proprio di fronte a me. La neve non è fatta di schiuma e le cime degli alberi si piegano sotto spessi cappucci di neve. L’aria glaciale sfiora la nostra pelle ma i nostri occhi guardano meravigliati il paesaggio davanti a noi.

Val Bartolo, Friuli-Venezia Giulia, Italy

Nevicate del genere sono rare al giorno d’oggi. Molti vedono questa esplosione di neve come pura sfortuna, considerato il lockdown e l’impossibilità di raggiungere le piste, ma io la vedo come una lezione da parte di Madre Natura. Forse dovremmo tutti lasciare respirare la natura e viverla così com’è. Senza fronzoli, come detto prima.
Sono contenta che solo poche persone siano disposte a camminare così a lungo perché coloro che lo sono possano viverla in un modo unico. Spero lo farai anche tu se mai deciderai di fare trekking in Friuli-Venezia Giulia.

Dopo 4 km, oltrepassiamo “La Baita di Beatrice” e usciamo dal bosco lasciandoci alle spalle anche la nebbia. Il sole ci intonda e la Val Bartolo svela la sua delicata bellezza.
Siamo i primi a nuotare in questo oceano di neve. Indossiamo le nostre ciaspole e percorriamo il resto del percorso.
Il sole bacia i nostri volti mentre ansimiamo, facendoci strada sulla spessa coltre di neve. Le baite costellano i campi bianchi come diamanti e io sogno ad occhi aperti il giorno in cui ne possiederò uno. È quasi impossibile immaginare che la maggior parte delle capanne un tempo fossero fienili frugali.

Invece di stancarci, io e Stefano ci sentiamo ricaricati di energia dal piacevole panorama. Continuiamo il trekking fino a quando non individuiamo un cartello giallo. Abbiamo raggiunto l’Austria e sappiamo che è ora di tornare indietro. Torniamo sui nostri passi e ci sentiamo benedetti per una giornata così meravigliosa.

Mountain Huts in Val Bartolo, Friuli-Venezia Giulia, Italy

Se senti che questa escursione sulla neve è troppo per te non preoccuparti, la Val Bartolo è altrettanto bella d’estate. L’occasione migliore per visitarla è la fine di agosto quando la Val Bartolo si apre al pubblico e diventa una festa a cielo aperto. Ogni baita diventa un ristorante e serve piatti tradizionali del Friuli-Venezia Giulia, Austria e Slovenia. Ogni anno “Baite Aperte” attira migliaia di visitatori buongustai.
Nel caso ve lo steste chiedendo, sì, è proprio Baite Aperte che ci ha portato in Val Bartolo prima d’ora. E sì, non abbiamo mai camminato fino in Austria perché abbiamo mangiato così tanto che sarebbe stato impossibile salire oltre.
Ma questo è il bello di fare trekking in questo angolo d’Italia sconosciuto. Il Friuli-Venezia Giulia offre opportunità uniche per mescolare enogastronomia a paesaggi mozzafiato e insoliti.

Il Friuli-Venezia Giulia è un crogiolo di culture diverse che si sono amalgamate negli anni. Qui, l’ospitalità italiana incontra il rigore austro-ungarico e la natura selvaggia slava. Ecco perché visitare il Friuli-Venezia Giulia significa vivere la migliore espressione dell’Europa.

Ecco perché è probabile che visitandoci qui, ti sentirai a casa.

Informazioni su questo trekking:

Inizio: Camporosso, Tarvisio (UD), Italia
Lunghezza: 15 km andata e ritorno
Dislivello: 400 mt
Ore: 4 hours (with snow)
Dove andare dopo la camminata: Dawit Haus o I dolci di Irma per la perfetta ricompensa
Cos’altro fare in zona: Hai mai dormito in una pigna? Malga PriuRifugio Pellarini e Val Saisera
Quando: Fine agosto o in inverno (a patto che ci sia neve)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close