The Useless Sex by Oriana Fallaci. The Italian book to read while in lockdown.

Are women the useless sex in 2021?

Do you feel happier thinking that you can do what men do and even become President? God, how I wish I was born in one of those countries where women have no worth. Ours is a useless sex anyway.”

We’re in 1961 and Italian author Oriana Fallaci writes for the magazine “L’Europeo” when her editor asks her to write a reportage on women. She is skeptical. Is this really useful? she asks herself. Women are not a special breed, after all.
It’s the quote above, spoken by a friend at dinner’s, that convinces her to leave. She realizes that “men’s problems start from economical, racial or social matters. But women’s problems start from being women.

Oriana leaves Italy for a long trip to the East, searching for a Chimera: happy women. She is accompanied by the photographer Duilio as she flies over Asia.
She starts from Pakistan where little girls, all wrapped up in fabric like packages, marry unknown and older men. She then flies to India, the land of contradictions. In India, women throw themselves into their husbands’ pyre because it’s better to be dead than a widow. In India women also are active leaders in the country’s administration.
In Malesia, matriarchs are real but endangered.
In Hong-Kong women still follow Confucio’s laws and husbands can file for divorce if “the wife is disrespectful to her parents-in-law if she’s sterile, talkative or jealous”.
In Mao’s China, on the other hand, spouses must respect monogamy, protect one another and build together a new society.
In Japan, women are submissive and obedient. And in Hawaii, real Hawaiian women don’t exist anymore.
Oriana Fallaci concludes her trip in New York and it’s like returning to the starting point. In the western world, women must act like men to be taken seriously.

I loved this book for two reasons.
This is the second book by Oriana Fallaci that I read while in lockdown.
In March 2020 I read Insciallah but the serious topic of the novel did not make a good match with being a prisoner in my own home.

“The useless sex” is a mind-travel.
Oriana Fallaci’s writing style is vivid and descriptive and it’s almost like being right there with her through the whole trip.
I must admit that the feeling was bittersweet because, as of January 2021, I still have no clue on when we’ll be allowed to travel light-heartedly again.

And then there’s the theme of the book. Women and happiness. While reading, I’ve asked myself quite a few times if ours is still the useless sex.
The answer I gave myself is not the one I’d wished for. I would have liked to reply. “Of course not! It’s 2021!
Instead, Oriana’s words were so immersive and current that I had to force myself to remember that the book was written in 1961. The thought flashed into my mind like a comet, and it felt like waking up all of a sudden after dozing off.

I finished the book while on lunch break and immediately after I went for a walk. While preparing, I heard Fallaci’s words in my mind. I imagined having a conversation with her to tell her that, 60 years later, everything had changed.
Then I walked out and played Spotify randomly. The first song to stream was “The Man” by Taylor Swift. I quote.

They’d say I hustled,
Put in the work
They wouldn’t shake their heads and question how much of this I deserve
What I was wearing
If I was rude
Could all be separated from my good ideas and power moves?
[…]
I’m so sick of running as fast I can
Wondering if I’d get there quicker
If I was a man
And I’m so sick of them coming at me again
‘Cause if I was a man
Then I’d be the man

Just like Oriana Fallaci’s friend, Taylor Swift has everything a girl could dream of. She embodies the stereotype of what a girl should look like in our society. She’s rich, pretty, blond, tall, thin, and with blue eyes. Being “perfect” did not save Taylor from attacks and double standards. If she feels like that, you can only imagine what’s it like for us humans.

The truth is, that it’s 2021 and women are still the useless sex and we’re still bound to unhappiness. Not for a lack of means or intelligence but because we’re still overwhelmed by a sexist culture.
Taking inspiration from Oriana’s title, we could say that our sex is “Useful as long as….
Our sex is useful as long as… we reach success playing by men’s rules.
Our sex is useful as long as… our boobs are squeezed into a lace bra. But it’s shameful to show our boobs while breastfeeding.
Our sex is useful as long as… men can enjoy our vagina when they ask for it. But it’s shameful to show a vagina that bleeds blood instead of weird blue fluids.
Our sex is useful as long as… it makes the beauty industry make billions. “We are worth it” only if we have perfect hair and make-up.
I’d love to hear what Oriana would say about modern women and social media.

I’m on the edge of being 30 and it’s time I decide if I want to be a mother or not. I confess that I feel a lot of responsibility. I know that if I’ll ever decide to have a child, it won’t be easy. I was never very motherly, but I must admit that it thrills me to think that I could grow a new human being to be better than I ever was. And if that human being should ever be male, I’d like to grow a man that can take advantage of his “useful sex” to make the world a happier place for women.

I’ve let my thoughts wander way too much. I know this goes way beyond a simple book review. But that’s the power of books and of mountain huts (whether they are real or imaginary). They can make you think. And no matter how much snow should fall outside my mountain hut, my door will always be open to thoughts and growth.

The Useless Sex on Amazon.


Follow me on Instagram


Il sesso inutile di Oriana Fallaci. Le donne sono (ancora) il sesso inutile?

Ti senti più felice all’idea di poter fare quello che fanno gli uomini e divenire magari presidente della Repubblica? Dio quanto vorrei essere nata in uno di quei paesi dove le donne non contano nulla. Tanto il nostro è un sesso inutile.

Siamo nel 1961 e Oriana Fallaci scrive per il settimanale “L’Europeo” quando il suo direttore le chiede di partire e scrivere un reportage sulle donne. La Fallaci è combattuta. È davvero utile? Si chiede. Le donne non sono una fauna speciale. Si dice.
È la frase qui sopra, pronunciata da un’amica durante una cena, a convincerla.
Si rende conto che “i problemi fondamentali degli uomini nascondono questioni economiche, razziali e sociali ma i problemi fondamentali delle donne nascono anche e soprattutto da questo: il fatto di essere donne.”

Così Oriana Fallaci lascia l’Italia per un lungo viaggio in oriente alla ricerca di quella che pare una chimera: una donna felice.
Accompagnata dal fotografo Duilio, Oriana vola attraverso l’Asia. Dal Pakistan delle spose bambine, consegnate come un pacco coperto da una cascata di stoffa ad un marito che non hanno mai visto. All’India delle contraddizioni in cui alcune donne si gettano nella pira del marito defunto perché la peggior cosa che possa capitare a un’indiana è di restare vedova e altre che invece studiano in Europa e partecipano attivamente al governo del paese. Dalla Malesia delle matriarche in via d’estinzione. Alla Cina divisa tra le leggi di Confucio, “secondo cui un uomo può divorziare dalla moglie quando lei disubbidisce ai suoceri, è sterile, chiacchierona o gelose”, e quelle della Cina Rossa che impongono “l’assoluta monogamia e il dovere di proteggersi a vicenda, aiutarsi a costruire una nuova società.” Dal Giappone delle donne impregnate di docilità e di obbedienza e delle geishe. Alle Hawaii in cui le “vere hawaiane” non esistono più.
Il cerchio di Oriana si chiude a New York e per lei è un po’ come tornare all’inizio del viaggio. In occidente, le donne devono assumere comportamenti maschili per essere prese sul serio.

Ci sono due ragioni per cui ho divorato e apprezzato questo libro.
È il secondo scritto di Oriana Fallaci che leggo in questo pazzo anno di lockdown. A marzo 2020, la Fallaci mi aveva portata tra le polverose strade del Libano con Insciallah ma devo ammettere che il clima pesante e guerrigliero del romanzo non era stato un diversivo piacevole per la mia prigionia.

Diverso il discorso per “Il Sesso Inutile”. La scrittura vivida e descrittiva di Oriana mi ha accompagnata in un immaginario viaggio. Un viaggio d’evasione e di riflessione. Un viaggio dal sapore amaro perché oggi, nel gennaio del 2021, non so ancora quando potrò prendere un aereo per scoprire il mondo.

E poi il fil rouge del reportage. Le donne e l’infelicità. 
Me lo sono chiesta più volte durante la lettura. Il nostro è ancora un sesso inutile? 
La risposta che mi sono data non è esattamente quella che avrei voluto sentire. Avrei voluto rispondere con contrarietà, scuotere la testa e affermare: “Certo che no, siamo nel 2021!
E invece, per tutto il racconto ho avuto la sensazione di leggere un lungo articolo di Internazionale. Ciò che leggevo era così immersivo e attuale che il pensiero “Questo libro è stato scritto nel 1961” mi appariva nella mente come una stella cometa. Arrivava a scuotermi come quando ci si risveglia di botto dopo essersi assopiti per qualche minuto.

Ho concluso il reportage in pausa pranzo e poco dopo sono uscita per una passeggiata. Mentre mi preparavo, le parole della Fallaci continuavano a vorticarmi in testa. Immaginavo una conversazione con la scrittrice e cercavo argomentazioni per dirle che, 60 anni dopo il suo scritto, la condizione delle donne era completamente diversa. Poi sono uscita e come sempre ho inforcato gli EarPods e attivato la riproduzione casuale di Spotify. Neanche a farlo apposta, la prima canzone in lista era “The Man” di Taylor Swift, anno di pubblicazione 2019. Cito.

Direbbero che mi sono data una mossa, che ho lavorato sodo, non scuoterebbero la testa chiedendosi quanto di quello che ho sia merito mio. Cosa indossavo? Sono stata maleducata? Potrebbe essere scisso dalle mie buone idee dalle mie mosse? […] Sono stufa di correre più forte che posso e chiedermi se ci arriverei prima essendo un uomo. Sono stufa di essere insultata ancora una volta, perché se fossi un uomo, sarei un Uomo con la U maiuscola.”

Proprio come l’amica di Oriana Fallaci, Taylor Swift ha tutto quello che una ragazza potrebbe sognare ed incarna alla perfezione lo “stereotipo” di come una ragazza dovrebbe essere per la società. Ricca, bella, bionda, alta, magra e con gli occhi blu, Taylor non è sempre stata in una posizione felice e ha spesso lottato contro i “double standards”. Se lei si sente così, noi comuni mortali non possiamo passarcela meglio.

La realtà è che siamo nel 2021 e quello delle donne è ancora un sesso inutile e siamo ancora condannate all’infelicità. La cosa più brutta è rendersi conto che siamo noi stesse le fautrici della nostra condanna. Non per mancanza di mezzi o di intelligenza ma perché siamo immerse in una cultura ancora di forte impronta maschile. 
Per volgere in positivo il titolo di Oriana Fallaci, si potrebbe dire che ancora oggi il nostro è “Il sesso utile se…” perché all’utilità del nostro sesso è sempre legata una condizione.

Il nostro sesso è utile se… per arrivare in cima ci spogliamo di ciò che ci rende donne per abbracciare la parte più mascolina di noi.
Il nostro sesso è utile se… strizziamo le tette in un seducente completino intimo ma non se le mostriamo per allattare.
Il nostro sesso è utile se… “la diamo” quando gli uomini la vogliono. Sia mai che si consideri o si veda l’altra faccia della vagina, quella che sanguina sangue rosso e non blu.
Il nostro sesso è utile se… fa guadagnare un sacco di soldi all’industria del beauty. Perché “noi valiamo” solo con capelli e trucco perfetti.
Insomma, il nostro è un sesso utile con la condizionale. Vorrei proprio sapere cosa ne pensa Oriana di noi moderne.

Come donna alla soglia dei 30 che si avvicina alla fatidica scelta “figlio o non figlio” mi sento addosso molta responsabilità. So che se la scelta sarà “figlio” avrò un compito non facile.
Sebbene io non abbia mai avuto l’indole materno, c’è qualcosa che mi elettrizza profondamente all’idea di crescere una persona migliore di me. E se quella persona dovesse mai essere un maschio, sarei ancora più elettrizzata al pensiero di poter crescere una persona per bene che sfrutti il suo “sesso utile” per far diventare il mondo un posto più felice.

Discorso un po’ lungo che esula un po’ dalla classica recensione. Ma è questo il potere dei libri e anche il potere delle baite in montagna (siano esse reali o immaginarie). Portano a riflettere. E non importa quanta neve possa cadere fuori dalla mia baita, la porta delle riflessioni sarà sempre aperta.

Il sesso inutile su Amazon.

3 pensieri riguardo “The Useless Sex by Oriana Fallaci. The Italian book to read while in lockdown.

  1. Oriana was a great woman who had no fear to say what she really thinks.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close