Hiking in Italy: From Cima Sappada to Sorgenti del Piave – Friuli-Venezia Giulia

Scorri la pagina per il testo in italiano

What I like about snow is that it has the power to make us time-travel to the past. When roads are covered in snow one’s only option is often to walk. As if cars did not exist, by walking we get to experience a new world that moves at a slower pace.

Take this Italian hike, for instance. In the summer, it takes no more than 20 minutes to drive from Cima Sappada, Friuli-Venezia Giulia, Italy, to Sorgenti del Piave. But in winter, there’s no other alternative but to walk all the way up. 9km and almost three hours to go up and almost the same to come down.
If you’re not into hiking, this may sound like hell on earth. But I can assure you that this long walk may be just what you need after lockdown.


The hamlet of Sappada (Plodn in the local language) is an enchanted village surrounded by the Dolomites. It stretches right on the border between the Italian regions of Friuli-Venezia Giulia and Veneto and Austria, of course. Sappada is divided into suburbs named after local families and still maintains its unique and lovely German folklore and heritage.

We arrive in Cima Sappada, one of the suburbs, around 9.30 am. The sky is clear as it can only be when it’s extremely cold. We don’t mind though; we know the hike ahead of us is long and we’ll have enough time to heat. Our hike starts right next to the little white church located on the main road. We follow directions toward “Sorgenti del Piave” and “Monte Peralba”.

Cima Sappada, Friuli-Venezia Giulia, Italy
Our starting point, Cima Sappada

It has been a white Christmas for Sappada and snow still forms a thick layer on roofs and on the sides of the roads. As we walk through the hamlet’s wooden homes and barns, it does feel like going back in time. Finally, we arrive in the outskirts of the village and we enter Val Sesis, the valley that will lead us to the Piave’s springs.

Da Cima Sappada a Sorgenti del Piave, Friuli-Venezia Giulia, Italiy

Me and Stefano know these places like the back of our hands. Every summer, we spend a couple of days in this valley in an isolated mountain hut with no electricity or connection. Snow has altered everything and as we hike, we’re mesmerized by how much the place has changed since August. This valley is quite popular among hikers of Friuli-Venezia Giulia and Veneto, but, nature has not been spoiled by human hand. There are just a handful of huts and one paved road here. But now even these few man-made works have disappeared, buried in snow.

Rifugio Piani del Cristo, Sappada, Friuli-Venezia Giulia, Italy
Rifugio Piani del Cristo

The first mountain hut on our way, Rifugio Piani del Cristo, is closed. It appears like a sleepy bear who waits for the spring to come again. It only takes a few more minutes to reach the second mountain hut on our path, Baita Al Rododendro. If you’re already tired, you can stop here for a hot drink or lunch. Bear in mind that this is the only open hut in winter, so if you count on this place to eat or drink plan your hike well.

Baita Al Rododendro, Sappada, Friuli-Venezia Giulia, Italy

We proceed as there are still three km to hike to reach “our” mountain hut. From Baita Al Rododendro on, nature gets even wilder. The only reminder of humanity is the snowshoe-wide path in front of us. As we gain elevation, the snow increases on the ground and on treetops. By the time we reach the mountain hut, we can barely see it. It pops out like a mushroom from the white. We make sure that everything is ok, and we take on the last two kilometers to reach the Piave’s springs and the refuge. From the mountain hut on, we wear our snowshoe as we hike higher surrounded by the Dolomites.

Da Cima Sappada a Sorgenti del Piave, Friuli-Venezia Giulia, Italiy

There are no more than ten people to Sorgenti del Piave. We keep our distance as we seek refuge near the wooden building. As we eat our lunch, I look around.
We’re distanced enough not to need a mask and it almost feels like a normal Saturday with no pandemic-problems. I breathe the clean air and I wonder when I’ll be able to hike again.
We stay there enough time to eat until the cold wind is too much to bear and then we head back to Cima Sappada.

Da Cima Sappada a Sorgenti del Piave, Friuli-Venezia Giulia, Italiy

I feel like Sappada is the Cinderella of the Dolomites. It is a beautiful and strategic village to spend incredible winter and summer holidays. It’s the kind of place where you can relax, hike, trek, ski, eat very well (Laite restaurant has one Michelin Stars!), and most importantly, enjoy nature.
Whenever I venture to Cortina, which is only 60kms away, I find it hard to understand how someone could prefer it to Sappada. It certainly has more fancy shops but aside from it, Cortina looks like a normal Italian town that doesn’t even feel surrounded by mountains at all.

Da Cima Sappada a Sorgenti del Piave, Friuli-Venezia Giulia, Italiy

On the other hand, I associate Sappada with beautifully wild landscapes, warmth, and coziness. When walking in the village center, you can breathe the best of Italy and Austria. Sappada feels like a wool blanket between people and mountains. And that’s why you should visit.

If I have not convinced you enough, in Sappada you can enjoy the beauty of the Italian Dolomites with less tourism and more convenient prices.

Useful info and links:

Motorway exit to visit Sappada: From A4 Venezia-Trieste, take A23 and head towards Tarvisio. The highway exit is Carnia. From there follow directions to Sappada.

Where to sleep:
B&B Le Coccole
Residence Cavanis

Where to eat:
My favorite restaurant in Friuli-Venezia Giulia: Mondschein

Mondschein, Sappada, Friuli-Venezia Giulia, Italy

Useful links:
https://www.turismofvg.it/sappada

About this hike:
Starting Point: Cima Sappada
Length: 18 km back and forth (11,18miles)
Difference in altitude: 600 mt (1968 feet)
Timing: 5 hours (with snow)
What to do in the area: Autumn Hike: Anello Casera Monte Buoi


Follow me on Instagram:


Escursione invernale in Friuli-Venezia Giulia: da Cima Sappada alle Sorgenti del Piave

Rifugio Sorgenti del Piave, Sappada, Friuli-Venezia Giulia, Italiy

Quello che mi piace della neve è che ha il potere di farci viaggiare nel tempo e farci tornare al passato.
Quando le strade sono ricoperte di neve, l’opzione migliore è camminare. Come se le auto non esistessero, si è obbligati a sperimentare un mondo diverso che si muove a un ritmo più lento.

Prendi questa escursione, per esempio. In estate, non ci vogliono più di 20 minuti di auto per percorrere la strada che da Cima Sappada, Friuli-Venezia Giulia, porta alle Sorgenti del Piave. Ma in inverno non c’è altra alternativa che salire a piedi fino alle sorgenti e al rifugio. 9km e quasi tre ore per salire e altrettanti per scendere.
Se non ti piacciono le escursioni, questa escursione invernale deve sembrarti l’inferno sulla terra. Ma posso assicurarti che questa lunga passeggiata potrebbe essere proprio ciò di cui ha bisogno il tuo corpo dopo mesi di lockdown.

Il borgo di Sappada (Plodn nella lingua locale) è un villaggio incantato circondato dalle Dolomiti Friulane.
Si estende proprio al confine tra Friuli-Venezia Giulia, Veneto e l’Austria. Sappada è divisa in diverse borgate che prendono il nome dalle famiglie locali e conserva ancora il suo incantevole patrimonio folcloristico di matrice austroungarica.

Arriviamo a Cima Sappada, una delle borgate appunto, intorno alle 9.30. Il cielo è limpido come può esserlo solo nelle giornate gelide. Non ci importa però, sappiamo che l’escursione che abbiamo davanti a noi è lunga e avremo tempo per riscaldarci. La nostra camminata in Friuli-Venezia Giulia inizia proprio accanto alla chiesetta bianca situata sulla strada principale da cui seguiamo le indicazioni per “Sorgenti del Piave” e “Monte Peralba”.

Cima Sappada, Friuli-Venezia Giulia, Italy
La partenza a Cima Sappada

È stato un bianco Natale per Sappada e la neve forma ancora uno spesso strato sui tetti e ai lati delle strade. Mentre camminiamo tra le case i fienili in legno del borgo, sembra veramente di tornare indietro nel tempo.
Alla periferia del paese entriamo in Val Sesis, la vallata che ci condurrà proprio fino alle Sorgenti del Piave.

Da Cima Sappada a Sorgenti del Piave, Friuli-Venezia Giulia, Italiy


Io e Stefano conosciamo questi luoghi come le nostre tasche. Ogni estate trascorriamo un paio di giorni in questa valle in una baita isolata senza elettricità o connessione. La neve però ha cambiato tutto e mentre camminiamo, rimaniamo incantati da quanto sia mutato il paesaggio dall’ultima volta in cui ci siamo stati ad agosto.
Questa valle è molto frequentata dagli escursionisti del Friuli-Venezia Giulia e del Veneto, ma la natura non è stata rovinata dall’uomo. Ci sono solo una manciata di capanne e una sola strada asfaltata qui. Ma ora anche queste poche opere artificiali sono scomparse, sepolte nella neve.

Rifugio Piani del Cristo, Sappada, Friuli-Venezia Giulia, Italy
Rifugio Piani del Cristo

Il primo rifugio sul nostro cammino, il Rifugio Piani del Cristo, è chiuso. Con la neve a fargli da coperta, sembra un orso assonnato che aspetta il ritorno della primavera. Bastano pochi minuti in più per raggiungere il secondo rifugio sul nostro sentiero, la Baita Al Rododendro. Se sei già stanco, puoi fermarti qui per una bevanda calda o per il pranzo. Tieni presente che questo è l’unico rifugio aperto in inverno, quindi se conti su questo posto per mangiare o bere pianifica bene i tempi della tua escursione.

Baita Al Rododendro, Sappada, Friuli-Venezia Giulia, Italy
Baita al Rododendro

Proseguiamo veloci perché mancano ancora tre km per raggiungere il “nostro” rifugio. Dalla Baita Al Rododendro in poi, la natura diventa ancora più selvaggia. L’unico ricordo dell’umanità è il sentiero largo quanto due ciaspole affiancate di fronte a noi. Man mano che si sale, la neve aumenta sul terreno e sulle cime degli alberi. Quando raggiungiamo la “nostra” baita, riusciamo a malapena a vederla. Spunta dal bianco come un fungo. Ci assicuriamo che tutto sia ok e percorriamo gli ultimi due chilometri per raggiungere le Sorgenti del Piave e il relativo rifugio. Dalla baita in poi indossiamo le ciaspole mentre saliamo più in alto circondati dalle Dolomiti.

Da Cima Sappada a Sorgenti del Piave, Friuli-Venezia Giulia, Italiy

A destinazione non ci sono più di dieci persone sparpagliate. Manteniamo le distanze mentre cerchiamo riparo vicino all’edificio di legno. Mentre mangiamo il nostro pranzo, mi guardo intorno. Siamo abbastanza distanti da non aver bisogno di una maschera e sembra quasi un normale sabato senza pandemia. Respiro l’aria pulita e mi chiedo quando sarò di nuovo in grado di fare un’escursione del genere. Restiamo lì il tempo necessario a mangiare poi il vento freddo diventa troppo da sopportare e noi rincasiamo.

Da Cima Sappada a Sorgenti del Piave, Friuli-Venezia Giulia, Italiy


Penso a Sappada la Cenerentola delle Dolomiti. È un paesino delizioso e strategico per trascorrere incredibili vacanze invernali ed estive. È il tipo di posto dove puoi rilassarti, fare escursioni, fare trekking, sciare, mangiare molto bene (il ristorante Laite ha una stella Michelin!) E, soprattutto, goderti la natura.
Tutte le volte in cui mi sono spinta fino a Cortina, che dista solo 60 km, faccio fatica a capire come qualcuno possa preferirla a Sappada. Certamente ha negozi più alla moda ma a parte questo, Cortina sembra una normale città italiana. Non riesco a respirare l’aria di montagna lì.

Da Cima Sappada a Sorgenti del Piave, Friuli-Venezia Giulia, Italiy

D’altra parte, associo Sappada a paesaggi meravigliosamente selvaggi, calore e intimità. Passeggiando nel centro del paese si respira il meglio dell’Italia e dell’Austria. Sappada si frappone come una calda e avvolgente coperta di lana tra la gente e le montagne. Ed ecco perché dovresti visitarla.
Se non ti ho convinto abbastanza, a Sappada puoi goderti la bellezza delle Dolomiti italiane con meno turismo e prezzi più convenienti.

Informazioni utili e link:

Indicazioni stradali per Sappada: Dalla A4 Venezia-Trieste prendi l’A23 in direzione Tarvisio. L’uscita autostradale più vicina è Carnia. Da lì segui le indicazioni per Tolmezzo prima e poi per Sappada.

Dove dormire:
B&B Le Coccole
Residence Cavanis

Dove mangiare:
Il mio ristorante preferito in Friuli-Venezia Giulia: Mondschein

Mondschein, Sappada, Friuli-Venezia Giulia, Italy

Link utili
https://www.turismofvg.it/sappada

Informazioni su questa escrusione in Friuli-Venezia Giulia:
Partenza: Cima Sappada
Lunghezza: 18 km andata e ritorno
Dislivello: 600 mt (1968 feet)
Tempo: 5 hours (with snow)
Altre escursioni in zona: Autumn Hike: Anello Casera Monte Buoi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close