Hiking in Italy: Monte Lussari, Tarvisio, Friuli-Venezia Giulia

Scorri la pagina per il testo in italiano

If there’s a location that has the power to unite hikers, skiers, pilgrims, and food lovers, that’s Monte Lussari.

Monte Lussari, Tarvisio, is one of the most iconic places in Friuli-Venezia Giulia. Chances are that even if you’ve never heard of my region, you’ve seen a picture of Monte Lussari and its shrine. Among others, it was also featured on the login page of Microsoft Windows 10.

Monte Lussari, Friuli-Venezia Giulia, Italy

This 1790-meter-high mount, located right on the border with Austria and Slovenia, is beyond famous and beloved in the area. A 15-minute-long cable car ride connects the parking lot of Camporosso with the top.
On any normal winter, Monte Lussari si packed with skiers. But this is not a normal year, plus I can’t ski, therefore the reason I go to Monte Lussari is for hiking (and eating).

The “Pilgrim’s Trail” (il Sentiero del Pellegrino) is the most famous path to the shrine. Just like the cable car, it connects Camporosso with the tip of Monte Lussari. The only difference is that on foot it takes 4 kilometers, almost 1000 meters of elevation gain, and 2,30 hours. If you do the Pilgrim’s Trail, either someone has tricked you into it, or you love hiking. I hope you’re here for the latter reason.
For me, the trail represents a hiking-challenge. The path has no perilous traits and difficulties except the elevation gain and that’s why for me Pilgrim’s Trail is the perfect test to evaluate my progress as a hiker.

This was my third time on the Pilgrim’s Trail. Physically, I felt better than ever but it took us three hours to reach the top. Why? Because the landscape was spectacular. We stopped many times along the way to take pictures, but also to admire the lands around us, let the beauty of nature sink in and feel grateful for the marvelous day.

We start our hike at 10.30 am, after a pitch-black espresso. Our car is parked in Camporosso, right next to the cable car but we face the mountain from the side and follow the sign that indicates the way to the trail. When we reach the starting point, it seems like we’re about to enter a whole different world. The contrast is neat between the paved road and the white tongue of snow that invites us into the forest. Above us the sky is blue. It’s freezing, but the teeth-clenching cold has made the freshly fallen snow perfect to walk on with light crampons.

And so, we start climbing. It takes less than a hundred meters to warm up and to understand that this time the hike would be like no other before. It’s Friday (yeah, we took a day off) and there’s no one around. It’s almost like having Narnia to ourselves. Trees are crystallized in an icy-white cocoon. Stefano has ice in his beard. Whenever we stop and turn around to admire the snowy view it feels like the first time here.

As we proceed protruded forward to ease the effort, with the corner of the eye, we glimpse at the antenna near the top of Monte Lussari which allows us to check how far we’ve come.

Halfway, we spot the first station of the cross buried in snow. This is a Pilgrims’ trail, after all. Normally, stations are a constant presence during the hike, but this time we hardly spot them in the snow. That’s not too bad, because from there one the forest offers us its best show. We slow our pace; we lift our heads up and gaze ecstatically at the snow-capped trees. Above us the chairlift hangs still with its snow passengers.

Sentiero del Pellegrino, Monte Lussari, Friuli-Venezia Giulia, Italy
Sentiero del Pellegrino, Monte Lussari, Friuli-Venezia Giulia, Italy

When it’s less than half-an hour to the top, we are redirected to the close slopes. The trail would normally proceed through the thick of the woods but this year there’s too much snow. Our breath is once again taken away. The slopes are steep and harder to climb but the view pays for all the efforts. The more we climb, the more the trees disappear from our sight revealing the landscape around us. We even spot Cappella Zita. Finally, we reach the summit and we let our eyes wander around the 360° view.

Sentiero del Pellegrino, Monte Lussari, Friuli-Venezia Giulia, Italy

We descend to the shrine, also buried in snow, and contemplate the beauty of this mountain church. Snow has completely modified the shape of the little hamlet around Lussari. It’s almost like buildings and snow formed a narrow trench that emanates a strong Christmas vibe.


Finally, three hours after the beginning of our hike we sit for lunch.

Even if you don’t like hiking or skiing if you’re in Friuli-Venezia Giulia a trip to Monte Lussari is highly recommended.

Monte Lussari, Friuli-Venezia Giulia, Italy

The shrine dates back to the 14th century when the Patriarch of Aquileia ordered its building. The local legend says that a shepherd found a statue of the Virgin Mary and Jesus while grazing his flock on top of Monte Lussari. The shepherd brought the statue to the priest of Camporosso but the following day he once again found the statue on the top of Monte Lussari. The same routine repeated for a couple of days more and the patriarch ordered the building of the shrine.
The current building was built much later, but the folklore lives on.
The shrine is now a symbol of unity and peace among the three populations of the area. Before the Coronavirus, the mass was recited in Italian, German, and Slovenian on a regular basis.

I’ve always visited Monte Lussari in winter and always with snow. I’m a winter-person and I don’t think I could stand such a steep path with summer’s heat. Moreover, the trail is covered with slippery pebbles, so if you’re well equipped with light crampons or snowshoes, the climb is much easier with snow.

After eating Gulaschsuppe and Tagliatelle with boar-ragù, we’re not in the condition to hike back to the car. Luckily for us, the cableway is still running. The descent trip is 10 euros, I guess comfort is what you pay for, y’all.

If you’re a hiker, I’m sure that the Pilgrim’s trail will leave you highly satisfied. It’s one of those trails that you hate while climbing but you love in retrospect. To be honest, if I were to use the cable car to climb my way up, it would feel like cheating.
The view and the satisfaction you feel near the cross is unrepayable.

Useful info and links:

Motorway exit to visit Monte Lussari: From A4 Venezia-Trieste, take A23 and head towards Tarvisio. You can use the parking lot near the cableway of Camporosso

Where to sleep:
Hotel Il Cervo

Where to eat:
Alte Hütte
La baita dei sapori
I dolci di Irma

Useful links:
Monte Lussari

About this hike:
Starting Point: Camporosso, Tarvisio, Italy
Length: 8 km if you hike your way back (5 miles)
Difference in altitude: 700 mt (3117 feet)
Timing: 2.30/3 hours (with snow)

What to do in the area: 
Fusine Lakes
Val Bartolo
Rifugio Pellarini
Have you ever slept in a pinecone?
Cappella Zita


Follow my hikes on Instagram:


Camminare in Friuli-Venezia Giulia: Monte Lussari, Tarvisio

Monte Lussari, Friuli-Venezia Giulia, Italy

Se c’è un luogo che unisce escursionisti, sciatori, pellegrini e amanti del cibo, questo è il Monte Lussari.

Il Monte Lussari, Tarvisio, è uno dei luoghi più iconici del Friuli-Venezia Giulia. Anche se non conosci bene questa regione, è probabile che tu abbia visto una foto del Monte Lussari e del suo santuario da qualche parte. Tra le altre, è apparso anche nella pagina di accesso di Microsoft Windows 10.

Questo monte alto 1790 metri e situato proprio al confine con Austria e Slovenia, è oltremodo famoso e una delle più amate nella zona. Una corsa in funivia di 15 minuti collega il parcheggio di Camporosso con la cima. In qualsiasi inverno normale, il Monte Lussari sarebbe gremito di sciatori o pellegrini.
Ma questo non è un anno normale, io non so sciare e sono atea. Il motivo per cui vado al Monte Lussari è per camminare (e mangiare).

Sentiero del Pellegrino, Monte Lussari, Friuli-Venezia Giulia, Italy

Il modo più famoso per raggiungere a piedi il Lussari è il “Sentiero del Pellegrino” che come la funivia, collega Camporosso con la punta del Monte. L’unica differenza è che ci vogliono 4 chilometri, quasi 1000 metri di dislivello e 2,30 ore. Se fai il Sentiero del Pellegrino, qualcuno ti ha ingannato o ami davvero fare fatica in montagna.
Per me il sentiero rappresenta una sfida. Il sentiero non presenta tratti particolarmente pericolosi e non presenta altre difficoltà se non il dislivello. Con il Sentiero del Pellegrino, metto alla prova il mio respiro e i miei progressi di escursionista.

Questa era la mia terza volta sul Sentiero del Pellegrino. Fisicamente mi sentivo meglio che mai, ma ci sono volute tre ore per arrivare in cima. Perché? Perché il paesaggio era spettacolare. Ci siamo fermati molte volte per scattare foto, ma anche per ammirare la natura, assorbire la bellezza del paesaggio e sentirci grati per l’opportunità di vedere il Lussari così.

Iniziamo la nostra escursione alle 10.30, dopo un espresso nero come la pece. La nostra macchina è parcheggiata a Camporosso, proprio accanto alla funivia ma noi affrontiamo la montagna di lato seguendo il cartello che indica l’inizio del sentiero. Quando raggiungiamo il punto di partenza del sentiero, sembra che stiamo per entrare in un mondo completamente diverso. Il contrasto è netto tra la strada asfaltata e la bianca lingua di neve che ci invita nel bosco. Sopra di noi il cielo è azzurro. Fa freddo ma il freddo che fa stringere i denti ha reso la neve appena caduta perfetta per camminare con i ramponcini.

E così, iniziamo a scalare. Bastano meno di cento metri per riscaldarsi e per capire che questa volta vedremo il sentiero come mai prima. È venerdì (sì, ci siamo presi un giorno libero) e non c’è nessuno in giro. È quasi come se avessimo Narnia tutta per noi. Gli alberi sono cristallizzati in un bozzolo bianco ghiaccio. Stefano ha il ghiaccio nella barba e ogni volta che ci fermiamo e ci voltiamo il paesaggio innevato ci toglie il fiato più del sentiero.
Man mano che procediamo sporgendoci in avanti per alleviare lo sforzo, con la coda dell’occhio, scorgiamo l’antenna che si trova vicino alla sommità, e controlliamo quanto manca all’arrivo.

Sentiero del Pellegrino, Monte Lussari, Friuli-Venezia Giulia, Italy
Sentiero del Pellegrino, Monte Lussari, Friuli-Venezia Giulia, Italy

A metà percorso avvistiamo la prima stazione della Via Crucis sepolta nella neve (parliamo pur sempre di un sentiero per pellegrini) che segna una vera e propria svolta nella nostra escursione. Il paesaggio da lì in poi è la vera magia. Rallentiamo il nostro ritmo, alziamo la testa e guardiamo estasiati gli alberi innevati.

Monte Lussari, Friuli-Venezia Giulia, Italy

Il sentiero normalmente procede nel folto dei boschi ma quest’anno c’è troppa neve per continuare quindi veniamo reindirizzati alle vicine piste da sci. Il nostro respiro è portato via dalla ripidità delle piste ma anche dalla vista maestosa delle montagne che ci circondano. Più ci arrampichiamo, più gli alberi scompaiono dalla nostra vista rivelando il paesaggio che ci circonda. Individuiamo persino Cappella Zita, meta di un paio di settimane fa. Finalmente raggiungiamo la vetta e lasciamo vagare lo sguardo intorno al panorama a 360°.

Sentiero del Pellegrino, Monte Lussari, Friuli-Venezia Giulia, Italy

Scendiamo al santuario, anch’esso sepolto dalla neve, e contempliamo la bellezza di questa chiesa di montagna. La neve ha anche modificato completamente la forma delle strade strette di questo piccolo borgo. Quasi come se gli edifici e la neve formassero una trincea che sa di Natale.
Infine, tre ore dopo l’inizio della nostra escursione ci sediamo a pranzo.

Anche se non ami fare escursioni o sciare se sei in Friuli-Venezia Giulia una gita al Monte Lussari è altamente consigliata.

Monte Lussari, Friuli-Venezia Giulia, Italy

Il santuario risale al XIV secolo quando il Patriarca di Aquileia ne ordinò la costruzione. La leggenda locale narra che un pastore abbia trovato una statua della Vergine Maria e di Gesù mentre pascolava il suo gregge in cima al Monte Lussari. Il pastore portò la statua al parroco di Camporosso ma il giorno successivo la ritrovò ancora una volta in cima al Monte Lussari. La stessa routine si ripeté per un altro paio di giorni e quindi il patriarca ordinò la costruzione del santuario.
L’edificio attuale è stato costruito molto più tardi, ma il folklore continua ma non è questa la parte migliore di questo santuario. Come avrete capito leggendo il mio blog, il Friuli-Venezia Giulia è una terra di confine, segnata dalle due guerre mondiali. Il santuario è oggi simbolo di unità e di pace tra le tre popolazioni della zona. Prima del Coronavirus, con cadenza regolare, presso il Santuario del Monte Lussari la messa veniva recitata in italiano, tedesco e sloveno.

Monte Lussari, Friuli-Venezia Giulia, Italy

Ho sempre visitato il Monte Lussari in inverno e sempre con la neve. Sono una persona invernale e non credo che potrei sopportare un sentiero così ripido con il caldo estivo. Inoltre, il sentiero è ricoperto da ghiaia scivolosa, quindi se sei ben attrezzato/a con ramponcini o ciaspole, la salita è molto più facile con la neve.

Monte Lussari, Friuli-Venezia Giulia, Italy

Dopo aver mangiato Gulaschsuppe e Tagliatelle al ragù di cinghiale, non siamo nelle condizioni di tornare alla macchina a piedi. Fortunatamente per noi, la funivia è ancora in funzione. Il viaggio in discesa costa 10 euro, ma d’altra parte le comodità si pagano.

Se sei un escursionista, sono certo che il Sentiero del Pellegrino ti lascerà molto soddisfatta/o. È uno di quei sentieri che odi mentre sali, ma che ami in retrospettiva. Ad essere onesti, se dovessi usare la funivia per salire, sarebbe come barare.
La vista e la soddisfazione che si prova vicino alla croce sono irripetibili.

Informazioni utili e link:

Uscita autostradale più vicina: Dalla A4 A4 Venezia-Trieste, prendi la A23 fino a Tarvisio. Puoi usare il parcheggio vicino alla funivia di Camporosso

Dove dormire:
Hotel Il Cervo

Dove mangiare:
Saisera Hütte
Prati di Oitzinger
Alte Hütte
La baita dei sapori
I dolci di Irma

Link Utili:
Monte Lussari

Informazioni su questa escursione:
Partenza: Camporosso, Tarvisio
Lunghezza: 8 km andata e ritorno
Dislivello: 950 mt
Tempo: 2,30/3 ore sola andata con la neve

Altre escursioni in zona:
Rifugio Zacchi e Laghi di Fusine
Val Bartolo
Rifugio Pellarini
Have you ever slept in a pinecone?
Cappella Zita

3 pensieri riguardo “Hiking in Italy: Monte Lussari, Tarvisio, Friuli-Venezia Giulia

  1. Il Lussari rimarrà sempre uno dei posti che più mi affascinano della nostra regione

    Piace a 1 persona

    1. Verissimo! Posto affascinante che lo diventa ancora di più se “conquistato” a piedi 😊

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close