I sei pilastri dell'autostima di Nathaniel Branden

The Six Pillars of Self-Esteem by Nathaniel Branden

La capacità di fidarsi della propria mente e sentirsi degni di felicità

Nella mia vita ho letto tutti i tipi di libri. Dai classici russi alla chick-lit, dal fantasy al reportage. Da “Cinquanta sfumature di grigio” a “Prima che sia notte” di Reinaldo Arenas.
Ultimamente, sono sempre più interessata ai libri di miglioramento personale. Più cresco e più cerco qualità e valore. Più mi avvicino ai 30 anni, più mi arrabbio per il mondo che mi circonda e, come ho detto, sento la responsabilità di cambiarlo.

I sei pilastri dell’autostima per migliorare sé stessi

Se so una cosa è che è impossibile cambiare il mondo se non siamo disposti a cambiare prima noi stessi. Ecco perché mi considero un progetto work in progress in perenne ricerca del miglioramento.

Ho scoperto I sei pilastri dell’autostima di Nathaniel Braden grazie al podcast di Paola Maugeri “PMConfidentials” e mi sono precipitata ad acquistare il libro. Ho sentito che era il passo successivo nel mio processo di crescita.
Quando l’ho detto a mia madre, ha commentato “Non che tu avessi bisogno di un libro del genere“.
Ma ne avevo bisogno, perché ci sono parti della mia vita in cui non ho affatto autostima. E il lockdown non aiuta.

Ho aperto questo blog perché mi sembrava l’unico modo in cui potevo concedermi lettori.
Prima del blog, mi consideravo una scrittrice senza lettori. E ogni volta che ho chiesto un’opinione sulle mie storie, ho sempre ricevuto la peggiore risposta in assoluto: nessuna risposta.
Ad oggi, non riesco ancora a prendere una decisione sulle mie capacità di scrittura.
Poi c’è la questione dell’accettazione del mio corpo. Non passa giorno in cui non lotti contro il peso e in cui mi senta della taglia giusta.

Il lockdown non ha aiutato. Lavoro da casa da marzo 2020. E in questo anno di isolamento, mi sono spesso sentita imprigionata a casa mia. Mentre il lockdown procede a singhiozzi, mi mancano sempre più incentivi e voglia di fare e ho notato che la mia autostima diminuisce sempre di più.

Quindi, ho pensato che questo libro potesse aiutare. Branden è stato uno degli psichiatri più eminenti ad aver concentrato concentrato il proprio lavoro sull’autostima. In realtà, è conosciuto come “il padre dell’autostima” e “I sei pilastri dell’autostima” è il suo lavoro più importante.

L’autostima e la base della felicità

Secondo Branden, l’autostima è la capacità di fidarsi della propria mente e sentirsi degni di felicità.

L’autostima non è qualcosa che civiene iniettato dall’esterno, ma il modo in cui reagiamo ai fatti della vita. È una pratica, piuttosto che una sensazione. È qualcosa che dobbiamo rafforzare ogni giorno.

Il più delle volte ci auto-sabotiamo per amore degli altri. Quello che non riusciamo a vedere è che il primo passo per sostenere chi ha bisogno di noi è l’amore per noi stessi.

Le sei pratiche per aumentare la propria autostima

Le sei pratiche che possono aiutarci ad aumentare la nostra autostima sono le seguenti:

  1. La pratica di vivere consapevolmente
    “Vivere consapevolmente significa cercare di essere consapevoli di tutto ciò che riguarda le nostre azioni, scopi, valori e obiettivi – e comportarci in conformità con ciò che vediamo e conosciamo”.
  2. La pratica dell’accettazione di sé
    “Possiamo scappare non solo dal nostro lato oscuro ma anche dal nostro lato positivo […]. Il crimine più grande che commettiamo contro noi stessi non è negare o rinnegare le nostre mancanze, ma negare e rinnegare la nostra grandezza – perché ci spaventa.”
  3. La pratica del senso di responsabilità
    “Essere ‘responsabile’ in questo contesto significa essere responsabile non in quanto destinatario di biasimo o colpa morale, ma come principale agente causale nella mia vita e nel mio comportamento”.
  4. La pratica dell’affermazione di sé
    “Praticare l’affermazione di sé significa vivere autenticamente, parlare e agire spinto dalle proprie convinzioni e dai sentimenti più intimi. Deve diventare uno stile di vita, una regola.”
  5. La pratica di darsi un obiettivo
    “Vivere in modo mirato”, spiega Branden, “è usare i nostri poteri per il raggiungimento degli obiettivi che abbiamo selezionato: l’obiettivo di studiare, di crescere una famiglia, di avviare una nuova attività, di risolvere un problema scientifico, di costruire una vacanza casa, di sostenere una relazione romantica felice. Sono i nostri obiettivi che ci portano avanti, che richiedono l’esercizio delle nostre facoltà, che danno energia alla nostra esistenza. “
  6. La pratica dell’integrità personale
    “L’integrità è l’integrazione di ideali, convinzioni, standard, credenze e comportamenti. Quando il nostro comportamento è congruente con i nostri valori dichiarati, quando ideali e pratica coincidono, abbiamo integrità”.

Il mio parere su I sei pilastri dell’autostima

Mentre leggo ancora una volta le sei pratiche, mi rendo conto che quello che ho detto a mia madre era giusto. Sono appena a metà strada nello sviluppo dell’autostima autostima. Padroneggio tre dei pilastri mentre c’è ancora molto lavoro da fare sugli altri tre.

Nel frattempo, ho già regalato il libro due volte.
Quale topo di biblioteca, considero regalare libri la più grande espressione d’amore e se il libro può essere di aiuto alla persona a cui lo do, tanto meglio.

Quanto a me, I sei pilastri dell’autostima è stato il libro che ha accresciuto la mia coscienza e conoscenza sull’argomento. Adesso che so su cosa lavorare, credo che comprerò tutta la bibliografia di Brenè Brown. Ma questa è un’altra storia.

Ti piacciono questi libri? Quali libri mi consigliate? Il blocco ha influito anche sulla tua autostima?


0 Comments

Lascia un commento

Avatar placeholder

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *