Ciaspolata in Val Bartolo

Published by Elena Feresin on

Val Bartolo: ciaspolata per principianti in Friuli Venezia Giulia

La Val Bartolo è una bellissima vallata tra Camporosso e Tarvisio costellata da graziosissime baite.

La strada che la attraversa, che scorre accanto al torrente Bartolo, è lunga (15km a/r) ma ha un dislivello minimo.

Per questo motivo, la Val Bartolo è una buona meta per tutto l’anno (soprattuto gli ultimi weekend di agosto).

Se c’è una stagione in cui la valle risplende però, questa è sicuramente l’inverno a patto che ci sia neve. Basta infatti una spruzzata per renderla magica.

Per la sua conformazione e il dislivello contenuto, l’escursione in Val Bartolo è particolarmente adatta a chi vuole provare ad usare le ciaspole o a chi cerca una semplice camminata sulla neve durante la quale far divertire i bambini.

Continua a leggere per scoprire tutti i dettagli di questa facile ciaspolata in Friuli Venezia Giulia.

Da Udine, guida in direzione Tarvisio con l’autostrada A23 fino alla relativa uscita autostradale.

Proseguendo in direzione Tarvisio, subito dopo il supermercato Eurospar (arrivando da Udine lo troverai sulla sinistra), arriverai ad una rotonda.

Prendi la terza uscita ed entra a Camporosso da Via Genziana, quindi, gira a destra su Via della Sella. Dopo qualche centinaio di metri troverai le indicazioni per la Val Bartolo.

L’escursione in Val Bartolo non ha un parcheggio dedicato ma potresti trovare posto lungo Via della Sella.

In estate, è possibile raggiungere la vallata anche in auto lasciandola nel parcheggio dell’agriturismo “La Baita di Beatrice”

Riepilogo Escursione e Traccia GPX

Le indicazioni di seguito fanno riferimento alla camminata che percorre Val Bartolo nella sua interezza, da Camporosso fino al confine austriaco.

Come spiegherò di seguito, è possibile modulare la camminata in base alle proprie capacità.

Download file: Val_Bartolo.gpx

Camminata in Val Bartolo con la neve: l’itinerario in breve

Spiegare l’itinerario della Val Bartolo è molto semplice poiché il percorso si sviluppa in modo lineare

Si parte da Camporosso, si segue la strada, si arriva alla fine della valle e si torna indietro. Semplice, diretto, senza fronzoli, deviazioni o pericoli. 

Per comodità di spiegazione, mi piace dividere la camminata in Val Bartolo in tre tappe:
  1. Da Camporosso (Tarvisio) all’Agriturismo La Baita di Beatrice
  2. Da La Baita di Beatrice alla fine del pianoro dove terminano le baite
  3. Dalla fine del pianoro al confine austriaco

Da Camporosso a La Baita di Beatrice

Sin da Camporosso troverai subito il torrente Bartolo ad accoglierti. La sua voce, camuffata dalla neve, ti guiderà fino all’agriturismo La Baita di Beatrice.

Questo primo tratto è lungo circa 4km per 250 metri di dislivello.

Il percorso si svolge interamente su strada forestale larga e percorribile anche dalle auto.

Se farai la camminata in Val Bartolo in inverno, è probabile che in questo primo pezzo non ti serviranno le ciaspole poiché viene pulito dal comune di Tarvisio.

La facilità del percorso non scalfisce la bellezza del paesaggio. In questo primo tratto la vallate è stretta tra i fianchi del Monte Nero e del Monte Acomizza.

Lungo la strada si trovano anche una partete di arrampicata e l’ingresso di qualche bunker. Se ha nevicato però sarà difficile notarli poiché i tuoi occhi saranno ammaliati dalla bellezza del bosco in questa sorta di Arendelle friulana.

Da La Baita di Beatrice alla fine del pianoro

Dalla Baita di Beatrice la vallata si apre e scopre i suoi bellissimi prati su cui trovano casa baite e stavoli.

Da qui in poi, inoltre, troverai le distese di neve che stavi aspettando.

La Baita di Beatrice è un ottimo punto d’arrivo dove si mangia bene. Se non vuoi più camminare puoi renderla la meta della tua gita e accontentarti di giocare con la neve nei dintorni dell’agriturismo.

Se invece vuoi continuare, sappi che proseguire fino alla fine della vallata aggiunge circa 2km e 100 metri di dislivello.

In caso di neve, se il comune di Tarvisio non ha ancora pulito la strada (lo spazzaneve pulisce fino al limitare del pianoro) è il momento di indossare le ciaspole perché è qui che inizia la vera e propria ciaspolata in Val Bartolo.

Le baite costellano i campi bianchi come diamanti e io sogno ad occhi aperti il giorno in cui ne possiederò una. È quasi impossibile immaginare che la maggior parte delle capanne un tempo fossero fienili frugali.

Dalla fine del pianoro al confine austriaco

Una volta raggiunta la fine della vallata la strada prosegue ancora fino al confine con l’Austria.

La salita è di solo 50 metri, ma è la più ripida dell’intera camminata. Inoltre, da qui in poi potresti dovere aprire la traccia.

Con i segnavia gialli che indicano l’arrivo in Austria e l’ultima (bellissima) baita finisce anche la Val Bartolo. per tornare a Camporosso seguiamo lo stesso percorso dell’andata.

Perché camminare in Val Bartolo: un’escursione per famiglie che piace a tutti

La Val Bartolo è sicuramente una delle escursioni in Friuli per famiglie che accoglie più consensi.

Nonostante la facilità non c’è mai eccessiva calca e ci si riesce a godere bene l’atmosfera rilassata che aleggia attorno alle baite, alcune delle quali sono davvero graziose.

È un buon posto per iniziare a ciaspolare perchè il dislivello è minimo inoltre, il Comune di Tarvisio pulisce la strada fino all’ultima baita. Ciò significa che è quasi sempre possibile visitarla senza troppa attrezzatura tecnica ma solamente con buone scarpe da montagna.

La facilità del percorso la rende fattibile anche con i passegini da trekking.

Baite aperte in Val Bartolo: enogastronomia del Friuli Venezia Giulia racchiusa in una valle

Gli ultimi weekend di agosto la Val Bartolo cambia faccia e diventa il “place to be” del Friuli Venezia Giulia con la manifestazione “Baite Aperte“.

Le baite si trasformano in punti di ristoro dove è possibile mangiare gustosi manicaretti. La valle si popola di risate, chiacchiere e musica.

L’evento è ormai assodato e attira molte persone (potrebbero esserci problemi di parcheggio). A meno che tu non la visiti durante la manifestazione enogastronomica Baite Aperte, è ancora poco frequenata.

Ti è venuta fame dopo la ciaspolata in Val Bartolo?

Se hai letto la sezione RICETTE del sito, avrai capito che mi piace mangiare. Ecco un paio di consigli su dove mangiare a Tarvisio dopo la ciaspolata in Val Bartolo.

  • Dawit Haus: è situato proprio sulla rotonda che abbiamo incrociato arrivando a Camporosso. Servono soprattutto dolci ma fanno anche dei panini SQUISITI! Vendono anche oggettistica, alimentari e vini.
  • I Dolci di Irma: si trova in centro a Valbruna, sulla strada di casa. Come si intuisce dal nome vende dolci fatti in casa. Qui troverai anche oggettistica da tipica baita di montagna.

Una piccola riflessione

Uno dei motivi per cui amo abitare in Friuli Venezia Giulia è che “l’estero” non è mai troppo lontano. Prendiamo questa camminata in Val Bartolo, ad esempio, l’Austria è letteralmente a portata di piedi.

In Val Bartolo, e in generale a Tarvisio, si respire un aria così mitteleuropea che probabilmente chiunque potrebbe sentirsi a casa.

Le foto che vedi qui risalgono al Dicembre 2020.

La nevicata di quell’inverno è considerata una rarità. Molti hanno visto quell’ esplosione di neve come pura sfortuna, considerato il lockdown e l’impossibilità di raggiungere le piste, ma io la l’ho vista come una lezione da parte di Madre Natura.

Forse dovremmo tutti lasciare respirare la natura e viverla così com’è. Senza fronzoli, come detto prima.
Sono contenta che poche persone siano disposte a camminare così a lungo perché coloro che lo sono possano viverla in un modo unico.

Spero che ci sia neve anche quando leggerai questo articolo. Se ti va, me lo fai sapere nei commenti?

Vuoi altri consigli su dove camminare in Friuli Venezia Giulia?

Elena Feresin


2 Comments

Alessio Saro · Gennaio 8, 2022 at 6:42 pm

Ottimo sito . Ho organizzato la nostra gita per domani sulla neve in val Bartolo ed ho tutti gli elementi per farlo in sicurezza ed in base alle nostre possibilità fisiche e di esperienza. Un ottimo strumento per qualsiasi escursione. Complimenti per il lavoro svolto. Lo sto consigliando a tutti.

Lascia un commento

Avatar placeholder

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.